La fattoria
La fattoria
La fattoria
L'orto
facebook
you tube
google +
Scuolabus

Educazione alla natura

Il giardino della scuola, gli spazi aperti, gli ambienti naturali permettono ai bambini di vivere esperienze molto vicine ai propri bisogni e desideri e alle proprie necessità evolutive. Al Cucciolo la relazione con l'ambiente diventa una costante della vita dei bambini a scuola; nei momenti di "educazione alla natura", e non solo, la scuola è il giardino.

La ‘valle', l'orto, gli animali della fattoria, ..., la "scuola senza il tetto", rappresentano per i bambini occasioni di esplorazione, scoperta di sé e di ciò che li circonda, momenti di relazione e cura di altri esseri viventi.

Le attività proposte sono pensate in modo da poter coinvolgere i bambini in situazioni che aiutino a prendere confidenza, esplorare e giocare con elementi e oggetti naturali attraverso la percezione sensoriale, collegando così il mondo esterno con quello interiore.

Ampio spazio viene dedicato alla realizzazione e cura dell'orto: la preparazione delle aiuole, la semina, la coltivazione, la raccolta, sono attività che mettono a frutto le abilità manuali, lo sviluppo del pensiero logico-interdipendente, l'attenzione ai tempi dell'attesa, l'allenamento della pazienza e la maturazione di capacità previsionali e di collaborazione, concorrendo inoltre a potenziare le capacità di creare e consolidare legami emotivi ed affettivi.

Nei momenti di educazione alla natura vengono proposti giochi e percorsi con le corde in grado di stimolare sviluppo senso motorio e creatività dei bambini. Attraverso questi i bambini sono invitati a vivere un'esperienza fuori dall'ordinario, che racchiude in sé senso di avventura e sfida da affrontare. Muoversi sulle corde stimola concentrazione e coordinazione, aiuta i bambini ad acquisire consapevolezza delle proprie capacità e dei propri limiti; i bambini intuiscono da soli che la propria incolumità è legata necessariamente alla propria attenzione e prudenza; in tal senso affrontare l'inconsueto o per alcuni, il "rischio", diventa occasione per imparare la sicurezza, acquisire capacità di giudizio e quindi autonomia.